10478631_642143599216768_6971871945522292030_o

Come ogni anno alla plenaria finale quest’anno tenutasi a Vicenza dal 9 al 12 giugno abbiamo eletto i migliori laboratori che si sono distinti per la partecipazione, qualità del lavoro, correttezza ed efficacia espositiva.

Ecco i vincitori di questa edizione:

  • 1° premio al laboratorio del Liceo Leonardo Da Vinci di Treviso.
    “Immigrazione” presentato da Nicoletta Goja, Martina Stringari e Milena Mottola con la seguente motivazione: “La presentazione del Laboratorio del Da Vinci è stata la sorpresa di quest’anno. Oltre all’elevato livello di contenuto, è stata rilevata una grande regia nel presentare questi contenuti in modo altamente fruibile ed elegante nell’utilizzo degli strumenti tecnologici”.
  • 2° premio al laboratorio al laboratorio del Liceo Marchesi-Fusinato di Padova.
    “Diritti umani nelle carceri” presentato da Angela Rossi, Chiara Cecchin, Francesca Matterazzo e Clara Zavattiero, Laura Giordano con la seguente motivazione: “Il lavoro è caratterizzato da grande lavoro di gruppo, da novità del contenuto che si distingue per il forte impatto sui diritti umani e da una presentazione fluida e molto competente”.
  • 3° premio a pari merito ai due laboratori del Istituto Cangrande di Verona.
    Il primo sul “Universo Donna” presentato da Larissa Bulgar e Anna Castagna e il secondo su “Immigrazione clandestina” presentato da Andrea Buscardo e Mariano Lazarte con la seguente motivazione: “per il livello contenutistico elevato: si capisce che c’è un grande lavoro di ricerca e una grossa coesione di gruppo”.

Ai vincitori è stata donata una felpa del Pes e i primi classificati riceveranno una borsa di studio di 150€ a persona per partecipare al seminario di Neumarkt 2014 in cui sono invitati a esporre il loro elaborato.

Congratulazioni a tutti i partecipanti, anche a chi non ha vinto.
Con il vostro lavoro non vi siete semplicemente fermati al problema ma avete cercato di analizzarlo per proporre soluzioni. Il cuore della nostra associazione è tutto qui: immaginare un mondo diverso fatto di soluzioni, non problemi.